progetto

Home / progetto

CA@SE logo

KA2 – PARTENARIATI STRATEGICI NELL’AMBITO DELL’ISTRUZIONE PER ADULTI

Contesto  

Tra le sfide principali che l’Europa si trova ad affrontare vi sono gli alti tassi di disoccupazione (10% della popolazione attiva che equivale a 23 milioni di persone in Europa e 12,8% in Italia), che riguardano soprattutto le persone con basse qualifiche. Infatti, uno degli obiettivi della Strategia Europa 2020 è l’innalzamento, entro il 2020, del tasso di occupazione al 75%, per donne e uomini, di età compresa tra i 20 e i 64 anni.

Allo stesso tempo l’Europa deve affrontare il problema dell’invecchiamento della popolazione, dell’aumento del numero di persone con disabilità e del tasso di immigrazione che causano un aumento del bisogno di personale nel settore socio-sanitario. Attualmente, sono circa 20 milioni le persone occupate nel settore socio-sanitario in Europa ma il loro numero è in continua crescita.

I partner del progetto hanno osservato che i lavoratori del settore (soprattutto persone con esperienze migratorie) spesso non sono consapevoli delle opportunità esistenti, né in termini di diritti dei lavoratori né per quanto riguarda la creazione d’impresa. Perciò sarebbe utile fornirgli servizi di orientamento, con il sostegno di enti pubblici e privati, soprattutto per promuovere l’imprenditoria sociale.

L’imprenditorialità in Europa non è molto considerata come opzione di carriera, soprattutto a causa della mancanza di competenze e conoscenze imprenditoriali e, in particolare, fra le persone con basse qualifiche, donne e migranti. Un altro motivo è che i sistemi e lo staff educativo non sono abbastanza preparati a sostenere l’acquisizione di competenze imprenditoriali e a creare un ambiente favorevole all’apprendimento di tali competenze.

Perciò, il nostro progetto mira allo sviluppo professionale e all’aggiornamento delle competenze dei formatori, educatori, tutor, dipendenti pubblici e operatori del terzo settore che lavorano nel settore sociale per sostenere gli adulti svantaggiati nell’educazione e nell’occupazione, per migliorare la qualità dei servizi in termini di efficacia ed efficienza e per promuovere l’acquisizione di conoscenze imprenditoriali e legislative degli utenti finali (persone con basse qualifiche nel settore socio-sanitario). Con il progetto contribuiremo a promuovere l’imprenditoria sociale fra i beneficiari finali del progetto: persone con basse qualifiche nel settore socio-sanitario.

La maggioranza dei nostri beneficiari finali lavora senza  un contratto regolare e quindi senza le tutele correlate, perciò il progetto CA@SE mira a:

  • Fornire informazioni sulla contrattualistica nazionale nel settore sociale, con particolare attenzione al lavoro nel campo socio-sanitario

Promuovere l’imprenditoria sociale per rispondere alla domanda del mercato

Obiettivi

L’obiettivo principale del progetto è quello di fornire strumenti, procedure e formazione ai formatori, educatori, tutor, dipendenti pubblici e operatori del terzo settore che lavorano direttamente con persone con basse qualifiche per:

  • Migliorare le competenze dei professionisti che lavorano con persone con basse qualifiche nel settore socio-sanitario e contribuire al loro sviluppo professionale fornendo servizi di orientamento sull’imprenditoria sociale e su come creare un business plan;
  • Mettere in pratica la validazione delle competenze non-formali e informali delle persone con basse qualifiche per aumentare la loro autostima finalizzata a diventare imprenditori;
  • Fornire informazioni sulla contrattualistica nazionale nel settore sociale con una particolare attenzione al lavoro nel campo socio-sanitario;
  • Promuovere l’imprenditoria sociale per rispondere alla domanda del mercato;
  • Migliorare la qualità dei servizi in termini di efficacia ed efficienza;

Migliorare l’occupabilità delle persone con basse qualifiche attraverso l’acquisizione di competenze imprenditoriali.

Le priorità del progetto

In base al contesto e agli obiettivi descritti sopra il progetto CA@SE è in linea con le seguenti priorità del programma Erasmus+:

  • Mira a sviluppare le competenze trasversali, in particolare l’imprenditorialità, delle persone con basse qualifiche che lavorano nel settore socio-sanitario utilizzando approcci innovativi e incentrati sui discenti e a sviluppare metodi di valutazione appropriati delle loro competenze informali e non-formali (1° Priorità orizzontale)

Mira a fornire informazioni sull’accesso ai servizi di apprendimento rivolti agli adulti, sulla validazione dell’apprendimento non formale e informale e sull’orientamento professionale ed educativo (2° Priorità specifica dell’istruzione per adulti)

Gli sportelli di orientamento saranno mantenuti per almeno 1 anno dopo la fine delle attività progettuali per raggiungere il numero più alto possibile di beneficiari finali.

Evento di formazione congiunta a breve termine per lo staff

Dopo la conclusione dei Corsi pilota sarà organizzato un evento di formazione congiunta a breve termine per lo staff riguardante  la metodologia da applicare per sostenere le persone con basse qualifiche nella creazione di un business plan. Le metodologie verranno presentate durante un workshop europeo e successivamente saranno adattate ai sistemi di ciascun paese partner. Al workshop europeo parteciperanno 2 persone dei Corsi pilota di tutti i paesi partner.

Evento moltiplicatore n° 1

Un evento di disseminazione sarà organizzato in ciascun paese partner per presentare i prodotti realizzati durante il progetto ai principali stakeholders e autorità locali.

Evento moltiplicatore n° 2

Una Conferenza finale sull’imprenditoria sociale sarà organizzata a Pamplona, in Spagna, alla fine del progetto. L’evento prevede la partecipazione di tutti i partner, i membri dei gruppi target, i rappresentanti di autorità pubbliche e altri stakeholder. Inoltre, ogni partner porterà una persona che aveva partecipato al Corso pilota per facilitare lo scambio di esperienze tra formatori, educatori, tutor, dipendenti pubblici e operatori del terzo settore. Saranno invitati anche i beneficiari finali del progetto (persone con basse qualifiche che lavorano nel settore socio-sanitario). La conferenza sarà una buona occasione per presentare i prodotti finali del progetto ai gruppi target e a diversi enti pubblici e privati che operano sul campo.

Durante la conferenza, grazie alla vasta rete di contatti del partner spagnolo (ANEL) si terrà una conferenza stampa con la partecipazione dei media locali e regionali.

Valorizzazione

Il nostro obiettivo principale è quello di creare degli sportelli di orientamento per dare sostegno continuo, nell’ambito dell’imprenditoria sociale, alle persone con basse qualifiche,  anche dopo la fine delle attività progettuali, attraverso uno staff qualificato.

Perciò i modelli e gli strumenti che andremo a sviluppare durante il progetto saranno utilizzabili, riproducibili e utili per i professionisti, gli educatori, le organizzazioni di istruzione e formazione pubbliche e private, le associazioni, i centri per l’impiego ecc. di tutta l’Europa. Per raggiungere tale obiettivo la maggioranza dei prodotti del progetto sarà tradotta in tutte le lingue partner e sarà scaricabile gratuitamente dal sito web del progetto. Il sito web, insieme alla piattaforma e-learning, sarà collegato anche ai siti web delle organizzazioni partner affinché i prodotti siano fruibili anche dal loro staff.

Gli sportelli di orientamento saranno mantenuti per almeno 1 anno dopo la fine delle attività progettuali per garantire un sostegno continuo alle persone con basse qualifiche che lavorano nel settore socio-sanitario. In questo modo raggiungeremo una vasta gamma di beneficiari finali. Inoltre, un anno dopo la fine del progetto si svolgerà una valutazione in tutte le organizzazioni partner per vedere l’impatto sui beneficiari finali, cioè se le persone con basse qualifiche che hanno usufruito dei servizi degli sportelli di orientamento sono riusciti a creare la propria impresa.

Visto che quasi tutti i partner del progetto sono specializzati nell’offrire opportunità formative continueranno a erogare il corso di formazione CA@SE anche dopo la fine del progetto, permettendo ad un alto numero di educatori, tutor, dipendenti pubblici e operatori del terzo settore di migliorare le loro competenze nel fornire servizi di orientamento sullo start-up d’impresa alle persone con basse qualifiche. Lo sportello sarà aperto in tutte le organizzazioni coinvolte nel progetto come un punto di riferimento permanente.

Inoltre, i risultati del progetto saranno presentati durante e dopo il periodo progettuale attraverso la rete dei partner in occasione di eventi, conferenze, incontri, workshop, seminari ma anche tramite e-mail, sulla piattaforma di disseminazione di Erasmus+ e i media. Questo migliorerà la nomea e le competenze delle organizzazioni partner e sensibilizzerà l’opinione pubblica sulle tematiche principali del progetto a livello locale, regionale e nazionale.

Il progetto contribuirà anche a rafforzare i legami tra le organizzazioni partner che avranno la possibilità di continuare la collaborazione anche in progetti futuri.

Gruppi target

  • Formatori, educatori, tutor, dipendenti pubblici e operatori del terzo settore che lavorano nel settore sociale
  • I beneficiari finali del progetto sono le persone con basse qualifiche che lavorano nel settore socio-sanitario

Il partenariato

  • Centri di formazione per adulti
  • Enti pubblici
  • ONG
  • Camere di commercio
  • Associazioni di imprenditori
  • Associazioni no-profit
  • Sindacati
  • Organizzazioni specializzate in marketing e comunicazione

Puoi scaricare i documenti dalla sezione di sopra “Project CA@SE documents”