Le attività progettuali

Home / Le attività progettuali

Le attività progettuali

Durante i due anni del progetto il partenariato elaborerà i seguenti prodotti:

Opera dell’Ingegno n°1:   Manuale per la valutazione e la validazione delle competenze

L’obiettivo di questa Opera dell’Ingegno è di elaborare una ricerca in 2 fasi (ricerca documentaria e sul campo) e un manuale per valutare e validare le competenze non-formali e informali delle persone con basse qualifiche nel settore socio-sanitario.

La ricerca documentaria si focalizzerà sulle seguenti tematiche:

  • Contesto legislativo nei paesi partner concernente lo start-up d’impresa nel settore socio-sanitario (imprese sociali)
  • Buone pratiche riguardanti le metodologie e le procedure di valutazione delle competenze
  • Buone pratiche relative ai programmi formativi disponibili per formatori sull’imprenditoria sociale nei paesi partner per individuare le competenze mancanti.

La ricerca sul campo prevede 15 interviste in tutti i paesi partner con rappresentanti di imprese sociali e professionisti nel campo dell’ educazione degli adulti per:

  • Identificare metodologie di valutazione delle competenze professionali;
  • Identificare le competenze mancanti nel settore socio-sanitario (competenze che gli imprenditori sociali devono avere).

In base ai risultati della ricerca il partner responsabile per l’O1 elaborerà il Manuale per la valutazione delle competenze contenente delle metodologie per valutare le competenze professionali di persone con basse qualifiche acquisite in contesti non-formali e informali nel settore socio-sanitario. Il manuale sarà tradotto in tutte le lingue partner.

Opera dell’Ingegno n°2: Manuale di formazione e Corso pilota

L’obiettivo di questa opera dell’ingegno è di elaborare e mettere in pratica un programma di formazione per formatori, educatori, tutor, dipendenti pubblici e operatori del terzo settore per:

  • Creare uno Sportello d’Orientamento (dopo il corso di formazione – vedi O3) per fornire informazioni alle persone con basse qualifiche nel settore socio-sanitario;
  • Fornire strumenti e metodologie per sostenere le persone con basse qualifiche nell’elaborazione di un business plan e nell’acquisizione di competenze imprenditoriali.

Il programma di formazione comprenderà 5 moduli: (1) valutazione delle competenze non-formali e informali, (2) mappatura dei servizi disponibili sul territorio per sostenere l’inserimento lavorativo dei beneficiari finali nel settore sociale, (3) legislazione concernente i diritti dei lavoratori e l’imprenditoria, (4) competenze imprenditoriali di base, (5) metodologie per la creazione di un business plan.

Il Corso pilota si svolgerà in tutti i paesi partner e prevede la partecipazione di 10 persone per paese. Il corso adotterà una metodologia blended-learning che prevede la combinazione di lezioni in aula e a distanza (e-learning) per facilitare la partecipazione di persone che vivono/lavorano in aree geografiche diverse e lo scambio di conoscenze.

Il programma di formazione sarà tradotto in tutte le lingue partner e sarà scaricabile gratuitamente dal sito web del progetto.

Opera dell’ingegno n° 3: Creazione di Sportelli di Orientamento (“one-stop-shops”)

L’obiettivo di questa opera dell’ingegno è di creare degli sportelli di orientamento (“one-stop-shops”) nei paesi partner dove le persone con basse qualifiche possono avere delle informazioni e sostegno per quanto riguarda l’imprenditoria sociale e l’elaborazione di un business plan. Lo staff di questi sportelli sarà costituito da formatori, educatori, tutor, dipendenti pubblici e operatori del terzo settore che hanno partecipato al Corso pilota. Gli sportelli saranno creati negli ultimi 3 mesi del progetto presso agenzie formative, centri di educazione per adulti, centri per l’impiego, centri giovani, ecc. dove le persone con basse qualifiche si recano solitamente per avere delle informazioni sulle opportunità di formazione e/o di lavoro. L’obiettivo finale di questa Opera dell’Ingegno è di elaborare 10 business plan in ciascun paese partner, insieme alle persone con basse qualifiche che lavorano nel settore socio-sanitario.